Prontissimo Affari Bancoposta, il prestito per commercianti delle Poste

Credit Express Febbraio 2018 468x60

Prontissimo Affari Bancoposta è il finanziamento delle poste che si rivolge ai commercianti

Si chiama Prontissimo Affari Bancoposta il finanziamento di Poste Italiane dedicato a tutti i commercianti che lavorano in autonomia (liberi professionisti, ditte individuali e persone fisiche con partita Iva) e che desiderano effettuare miglioramenti al proprio locale commerciale . L’importo massimo erogato è pari a 30.000 euro.

Prontissimo Affari Bancoposta Prontissimo Affari Bancoposta è una comoda soluzione creditizia che finanzia gli investimenti mirati a migliorare e a ingrandire una determinata attività (di tipo imprenditoriale, commerciale e artigianale): si pensi, ad esempio, alla ristrutturazione e all’ammodernamento degli interni, all’installazione degli impianti di riscaldamento o di climatizzazione nei locali deputati alla vendita, ecc.

Il prestito di Poste Italiane riservato ai commercianti presenta le seguenti caratteristiche:

  1. il tasso di interesse è fisso
  2. l’erogazione del capitale avviene in tempi assai brevi
  3. i costi di istruttoria non sono a carico del mutuatario
  4. non sono previste spese ulteriori in caso di estinzione anticipata
  5. il capitale viene erogato in un’unica soluzione
  6. l’importo massimo previsto è pari a 30.000 euro.

Requisiti necessari per accedere al prestito di Poste Italiane

Per ottenere il finanziamento Prontissimo Affari BancoPosta è necessario:

  1. essere titolare di un conto corrente presso le Poste Italiane
  2. essere titolare di una ditta individuale
  3. possedere una Partita Iva
  4. svolgere un’attività commerciale, artigianale o imprenditoriale

Come richiedere Prontissimo Affari BancoPosta

Per richiedere il prestito Prontissimo Affari BancoPosta è necessario recarsi presso uno degli Uffici Postali abilitati presenti su tutto il territorio nazionale o, in alternativa presso gli Uffici Posteimpresa, che sono collocati esclusivamente nelle regioni dell’Italia centro-settentrionale.

La documentazione generale richiesta è la seguente:

  1. la copia del documento di identità
  2. la copia del codice fiscale
  3. il modello Unico con ricevuta attestante l’avvenuta ricezione da parte dell’Agenzia delle Entrate.

La documentazione specifica per coloro che sono titolari di una ditta individuale è la seguente:

  1. la copia integrale della visura camerale
  2. il documento che attesti l’iscrizione al Registro Imprese della Camera di Commercio

La documentazione specifica che serve invece per le persone fisiche con Partita Iva è il codice relativo alla Partita Iva rilasciato dall’Agenzia delle entrate

Ricordiamo, infine, che le rate mensili previste dal piano di ammortamento vengono addebitate direttamente sul conto corrente BancoPosta del mutuatario.

Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *