Mutuo per comprare casa: come richiederlo

Credit Express Febbraio 2018 468x60

Il mutuo per comprare casa spesso è necessario, ecco la procedura per richiedere ed ottenere questo prestito prezioso

Richiedere un mutuo per comprare casa può apparire un’operazione piuttosto complessa che, nella maggior parte dei casi, spaventa chi si appresta a effettuarla. Tuttavia l’acquisizione di alcune informazioni preliminari renderà più agevole e più intelligibile l’intero processo.

Il primo passo da compiere, prima di richiedere un mutuo, è sottoscrivere un compromesso di vendita, ovvero il contratto preliminare di compravendita immobiliare che precede il rogito notarile.

Una volta firmata la promessa di vendita è possibile procedere con la compilazione della domanda di prestito alla banca, avendo cura di riportare con esattezza tutte le informazioni (dati anagrafici, anni di anzianità di lavoro, settore lavorativo, importo del reddito netto, valore della costruzione, ecc.) che serviranno all’istituto di credito per esprimere un parere sulla fattibilità dell’operazione di finanziamento.

A tal proposito ricordiamo che per richiedere un mutuo per comprare casa sono obbligatori i seguenti requisiti:

  1. il richiedente deve avere raggiunto la maggiore età
  2. il richiedente deve essere cittadino italiano (oppure cittadino dell’Unione Europea residente in Italia, oppure cittadino straniero residente in Italia da almeno tre anni)

Mutuo per comprare casaUna volta compilata e inoltrata la domanda per il mutuo per comprare casa alla banca, quest’ultima valuterà le caratteristiche del richiedente ed esprimerà un primo parere circa la fattibilità dell’operazione creditizia. Una volta superata questa prima verifica, sulla quale influiscono in maniera significativa il reddito annuo, il valore dell’immobile che si intende acquistare e la presentazione di ulteriori garanzie (si pensi, ad esempio, alla firma di un fideiussore), si passerà a una seconda fase che consiste nella raccolta della documentazione necessaria. In base al settore lavorativo di appartenenza l’istituto di credito richiederà differenti certificazioni. Vediamole nel dettaglio:

Lavoratore dipendente (sia pubblico che privato)

  1. Certificazione, rilasciata dal datore di lavoro, relativa agli anni di anzianità di lavoro
  2. Originale della busta paga e copia dell’ultimo Cud

Lavoratore autonomo o libero professionista

  1. Copia del Modello Unico
  2. Estratto della Camera di Commercio
  3. Attestato di iscrizione all’albo professionale di appartenenza (qualora il richiedente sia un lavoratore appartenente alla categoria dei liberi professionisti)

Una volta ottenuta la documentazione richiesta, la banca provvederà ad effettuare ulteriori verifiche. Qualora l’esito dell’istruttoria sia positivo, si procederà con la cosiddetta delibera di finanziamento.

Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *