Mutuo islamico: di cosa si tratta?

Credit Express Febbraio 2018 468x60

Il mutuo islamico è una valida alternativa al mutuo ipotecario tradizionale

Potrebbe essere lanciato a breve sul mercato finanziario occidentale il cosiddetto mutuo islamico (di cui ora si può far richiesta solo alle società creditizie islamiche), il quale si pone come valida alternativa al mutuo ipotecario tradizionale. D’altra parte sono sempre più numerosi in Italia gli immigrati musulmani che desiderano acquistare un immobile secondo la prassi prevista dalla finanza islamica. Vediamo nel dettaglio che cosa si intende esattamente per mutuo islamico.

Mutuo islamicoIn via preliminare va detto che nei Paesi islamici l’usura (riba), intesa come il pagamento di un certo interesse (a prescindere dall’entità dello stesso) su un dato prestito, è considerata illegale (haram), pertanto la società creditizia che eroga un finanziamento è impossibilitata a ottenere la propria remunerazione sugli eventuali interessi corrisposti dal mutuatario. Da cosa deriva, dunque, il guadagno dell’istituto emittente? Nel caso di un mutuo per l’acquisto di una casa, il guadagno della banca deriva dalla differenza tra il prezzo di vendita dell’immobile e quello di acquisto.

Come si richiede il mutuo islamico

Il mutuo islamico, come un qualsiasi altro mutuo ipotecario, può essere richiesto presso un istituto di credito che, prima di concederlo valuterà, con opportune indagini, la reputazione creditizia del mutuatario. Fin qui, dunque, non emergono differenze significative con il mutuo della tradizione occidentale. Ciò che cambia, invece, come abbiamo già detto, è la modalità d’acquisto dell’immobile. È la banca, infatti, ad acquistare direttamente la casa indicatagli dal cliente che, pagando delle quote mensili, dopo aver versato un acconto sul prezzo reale dell’abitazione, la riscatterà in un certo periodo di tempo. Naturalmente il mutuatario può immediatamente prendere possesso della casa acquistata dall’istituto di credito, anche se non può venderla fino a quando non ha versato tutte le rate necessarie alla completa estinzione del debito. L’immobile, in altri termini, in una certa fase, può essere considerato una sorta di multiproprietà del cliente e della banca i quali, solo di comune accordo, possono decidere di cederla a un terzo.

Il mutuo islamico, dunque, è un prodotto finanziario assolutamente dissimile da quello cui siamo abituati, ma che, a conti fatti, comporta una spesa simile a quella dovuta per l’estinzione del classico mutuo ipotecario immobiliare.

Posted in:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *