Finanziamento rifiutato e nuova richiesta: come comportarsi

Credit Express Febbraio 2018 468x60

Un finanziamento rifiutato e nuova richiesta, scopriamo cosa si deve fare in questa occasione per avere un prestito.

Un ente finanziario può rifiutare un finanziamento e accettare anche una nuova richiesta. Gli istituti hanno delle proprie politiche interne per accettare o meno l’erogazione di un prestito e conosce i criteri con i quali lo concedono, non è possibile. Ci sono però delle motivazioni che sono condivise da tutti gli istituti e le banche per quanto riguarda un finanziamento rifiutato, come: lo status di protestato, cattivo pagatore o un pignoramento; inoltre il rapporto tra reddito e rata non può superare certi limiti imposti dalla legge.
Nel caso succedesse che il clienti abbia un finanziamento rifiutato, è legittimato comunque a sapere le motivazioni della decisone presa. Questo viene imposto alle banche dalle legge, devono sempre comunicare e rendere note le ragioni di tale scelta.

Un finanziamento rifiutato e nuova richiesta di prestito: cosa fare in questo caso?

finanziamento rifiutatoCos’è possibile fare se un finanziamento viene rifiutato? I finanziamenti richiesti rimangono salvati nei database SIC (sistemi di informazioni creditizie) per un mese, bisogna quindi agire con prudenza perché influisce sul curriculum creditizio del richiedente. È consigliabile quindi rivedere la domanda e modificarla in base alle motivazioni che non hanno concesso il prestito.
Ad esempio se il denaro non ci viene concesso perché il non c’è un buon rapporto tra prestito e reddito, bisognerà chiedere meno soldi o cercare una banca con una soglia di tolleranza maggiore. Per chi invece è stato inserto nell’elenco del SIC perché ha avuto un finanziamento rifiutato e vuole fare una nuova richiesta, deve aspettare 30 giorni, in questo modo il registro sarà aggiornato.

Finanziamento rifiutato e nuova richiesta: quando farla

Dopo la prima conoscenza con l’ente di credito, bisognerà far trascorrere un mese dalla data dell’ultima richiesta. Nel momento in cui si avvia l’istruttoria, l’istituto creditizio si mette in contatto con il sistema bancario per comunicare l’avvio di un finanziamento e l’importo richiesto. Se si fa la domanda di un nuovo prestito prima della che sia cancellato la richiesta del finanziamento rifiutato, si otterrà un ulteriore rifiuto.

Vi consigliamo quindi di sfruttare il mese del finanziamento rifiutato, per rivedere le pratiche e apportare le modifiche necessarie per non avere un’ulteriore esito negativo e chiedere, se possibile, la cancellazione del proprio nome dalla lista dei cattivi pagatori.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *